Attualità

ZF: i risultati del primo semestre 2021

L'azienda raggiunge gli obiettivi in termini di fatturato e utili anche in un contesto difficile

ZF ha concluso il primo semestre del 2021 con dati positivi in termini di fatturato e utili. A differenza della prima metà del 2020, significativamente colpita dalla pandemia di Covid-19, l’azienda ha generato un fatturato di 19,3 miliardi di euro (2020: 13,5 miliardi di euro) nei primi sei mesi di quest’anno. Anno dopo anno, ciò corrisponde a un aumento di fatturato del 43%. L’EBIT rettificato si è attestato a 1,0 miliardi di euro (2020: meno 177 milioni di euro). Lo sviluppo positivo del business contrasta con un contesto di mercato internazionale complessivamente difficile e mutevole.

Dalla seconda metà del 2020, abbiamo preso lo slancio verso quest’anno e abbiamo beneficiato della ripresa economica dell’industria automotive,” ha affermato Wolf-Henning Scheider, Chief Executive Officer di ZF, presentando i dati semestrali. “Parallelamente, abbiamo costantemente sviluppato la nostra organizzazione in termini di cooperazione agile e ottenuto numerosi nuovi ordini con tecnologie innovative per la riduzione delle emissioni e il miglioramento della sicurezza dei veicoli.”

Oltre alla prosecuzione delle attività in condizioni di pandemia, il primo semestre dell’anno è stato caratterizzato da effetti immediati quali la carenza di semiconduttori e le catene di approvvigionamento interrotte, nonché dall’aumento dei prezzi delle materie prime e dei servizi logistici. ZF ha quindi parzialmente riadattato le proprie catene di approvvigionamento, abbreviandole, coinvolgendo sempre più i fornitori locali. “Inoltre, stanno accelerando le tendenze a lungo termine, un dato reso evidente in Europa dai nuovi limiti molto ambiziosi sulle emissioni di CO2,” ha affermato Scheider. “Anche se questo aumenta la domanda di trasmissioni completamente elettriche, sarà molto difficile trovare un equilibrio tra salvaguardia del clima, occupazione ed esigenze di mobilità delle persone. Un piano chiaro per lo sviluppo delle infrastrutture – dalla produzione di energia e dalle reti elettriche all’infrastruttura di ricarica – è essenziale per contribuire a determinare il percorso da seguire.”

Negli ultimi mesi, ZF ha compiuto progressi con la “Trasformazione Tarifvertrag”, un contratto collettivo concluso un anno fa con il comitato aziendale e i sindacati. In questo contesto, sono in corso discussioni nelle sedi tedesche per sviluppare obiettivi su come saranno orientate in futuro. “Qui, stiamo sfruttando il tempo che il contratto collettivo ci concede fino alla fine del 2022. Insieme ai rappresentanti dei lavoratori, stiamo sviluppando piani solidi per le sedi. Siamo già stati in grado di sviluppare soluzioni promettenti per la maggior parte di esse”, ha sottolineato Scheider.

Dati principali migliorati; adattata la strategia di finanziamento

Nella prima metà dell’anno, ZF ha inoltre beneficiato della ripresa economica generale dell’industria automotive. Da gennaio a giugno, l’azienda ha generato un fatturato di 19,3 miliardi di euro (2020: 13,5 miliardi di euro). Si tratta di un aumento del 43% anno dopo anno. Al netto degli effetti valutari e di quelli relativi a fusioni e acquisizioni, ciò corrisponde a un aumento organico del fatturato del 38 percento (2020: meno 27 percento). La società ha registrato un EBIT rettificato di 1,0 miliardi di euro, corrispondente a un margine EBIT rettificato del 5,2 percento (2020: meno 1,3 percento).

Nella prima metà del 2021, abbiamo raggiunto i nostri obiettivi migliorando al tempo stesso la qualità dei risultati,” ha affermato il Dr. Konstantin Sauer, CFO di ZF. “Per proseguire questo sviluppo positivo, il contenimento dei costi rimane per noi un elemento chiave”.

Dati i recenti sviluppi e le prospettive per i prossimi mesi, caratterizzati da incertezze dovute all’attuale situazione della catena di approvvigionamento, ZF manterrà le sue previsioni per l’intero anno. ZF quest’anno prevede di generare un fatturato compreso tra 37 e 39 miliardi di euro. In base alla prospettiva attuale, le vendite dovrebbero essere più vicine al limite superiore. L’azienda prevede un margine EBIT rettificato compreso tra il 4,5 e il 5,5 percento; il free cash flow rettificato dovrebbe essere compreso tra 0,8 miliardi di euro e 1,2 miliardi di euro. Nella seconda metà dell’anno, ZF prevede aggravi maggiori dovuti ai costi più elevati delle materie prime e dei servizi logistici. Potrebbero emergere rischi dalla costante disponibilità limitata di semiconduttori e dall’ulteriore sviluppo della pandemia di Covid-19.

Per raggiungere l’equilibrio desiderato tra investimenti e riduzione delle passività aziendali, ZF ha adattato la propria strategia di finanziamento. Un elemento è il nuovo programma EMTN (Euro Medium Term Note) lanciato nello scorso esercizio. “Il programma EMTN ci consente di agire in modo più rapido e flessibile sul mercato dei capitali,” ha spiegato Sauer. “Abbiamo anche gestito attivamente il profilo di scadenza delle nostre passività.” Tra l’altro, ZF ha già interamente rimborsato la linea di credito di 1,35 miliardi di euro ottenuta durante la pandemia e la tranche di 1,0 miliardi di euro del prestito obbligazionario utilizzato per finanziare l’acquisizione di Wabco in scadenza il prossimo anno.

Green bond per l’energia pulita e la tecnologia sostenibile della trasmissione

La strategia di sostenibilità di ZF si riflette anche nel settore finanziario. Per la prima volta, ad aprile, la società ha emesso un green bond. Il ricavato di 500 milioni di euro sosterrà gli sforzi futuri dei business dell’energia eolica e della mobilità elettrica. Il titolo a sei anni con rendimento del 2,0 per cento, rivolto a investitori istituzionali, ha riscosso grande interesse ed è stato sottoscritto sei volte in eccesso.

Per conformarsi alle disposizioni della legge antitrust indiana, nel corso dell’acquisizione di Wabco a giugno, ZF ha venduto la sua quota del 49% nella joint venture Brakes India. Dopo che, nel 2020, la partecipazione nella controllata Wabco India è stata aumentata dal 75 al 93 per cento, nell’ambito di un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria, la partecipazione è stata ridotta al 77 per cento nella prima metà del 2021 (un ulteriore due per cento sarà ceduto nella seconda metà dell’anno in modo che venga alla fine ripristinata una quota di partecipazione del 75 per cento). A giugno, ZF ha anche firmato un accordo con Airbus Helicopters per l’acquisizione di ZF Luftfahrttechnik GmbH a Kassel-Calden, in Germania, da parte di Airbus Helicopters. La vendita prevista di questo business di successo nel settore della tecnologia aeronautica apre buone prospettive per lo sviluppo futuro della business unit.

Unificazione all’orizzonte per le Divisioni Veicoli Commerciali e Industriali

Le due divisioni per i veicoli commerciali e industriali di ZF tengono d’occhio il 1° gennaio 2022. A partire dal prossimo anno, agiranno formalmente come una singola unità, la Commercial Vehicle Solutions Division combinata. ZF presenterà oggi il nuovo Senior Management Team della nuova divisione, che promuoverà congiuntamente la pianificazione commerciale e strategica per i prossimi anni. Le due divisioni stanno già operando con successo sul mercato, prevedendo un significativo aumento delle vendite per il 2021. “Subito dopo l’acquisizione di Wabco, i clienti ci hanno riconosciuto come fornitore di sistemi per la tecnologia dei veicoli commerciali e industriali, la cui gamma prodotti offre loro soluzioni e vantaggi completi,” ha affermato il CEO Scheider. “Con le tecnologie combinate nei sistemi, siamo stati in grado di garantire un volume di ordini significativo, che si estende molto nel futuro e comprende sia la guida autonoma sia la gestione della flotta e l’elettromobilità.”

Prospettive per il secondo semestre: IAA Mobility e lancio di nuove tecnologie sul mercato

Con lo slogan “Next Generation Mobility. Now!” ZF presenterà le sue soluzioni e idee per la mobilità di domani allo IAA Mobility 2021 di Monaco di Baviera. Dal 7 al 12 settembre, l’azienda sarà presente nei padiglioni fieristici del capoluogo bavarese (Stand A1.B80). Il nuovo concept va ben oltre l’automobile, coprendo tutti i segmenti della mobilità individuale e pubblica; offre la piattaforma perfetta per presentare l’ampio portafoglio tecnologico di ZF. Al centro della presentazione ci sono le vetture “software-defined” e le tecnologie di sistema per i veicoli elettrici a lungo raggio, come quelli utilizzati nella Formula E. Tuttavia, i componenti e i sistemi presentati da ZF non sono sogni del futuro: in linea con il motto, sono già tutti ordinabili o in procinto di essere lanciati sul mercato.

Wolf-Henning Scheider, Chief Executive Officer di ZF

Konstantin Sauer, CFO di ZF

production mode