Attualità

Lostuzzo: Triveneto e oltre

Forte di una storia di 60 anni e carico di energia grazie all’ingresso in azienda della terza generazione familiare, Lostuzzo ha affiancato alla sede di Udine la nuova filiale di Padova, per accelerare la propria espansione oltre i tradizionali confini del Friuli-Venezia Giulia con il supporto ulteriore del Consorzio PDA

Un esempio di azienda familiare modello, 100% made in Italy, in grado di mantenere i valori della tradizione e al contempo tenere il passo con i tempi, grazie a investimenti per espandere il business, innovare ed evolversi selezionando i migliori partner per far crescere i fatturati, indipendentemente dalle fasi più o meno critiche del mercato. Questa, in sintesi, la storia di Lostuzzo, distributore sempre più attivo nell’intero Triveneto, dove alla sede originaria di Pradamano (Udine) si è affiancata, dal mese di maggio 2019, la filiale di Noventa Padovana (PD).

“Tutto nasce nei lontani anni Sessanta”, racconta Corrado Lostuzzo, attuale contitolare e socio amministratore insieme al fratello Gianni, “per merito di mio papà Onorato, che avviò insieme alla sorella Elvira, l’attività in Friuli-Venezia Giulia, da autentico pioniere nel settore, concentrandosi soprattutto su lubrificanti e batterie e proponendosi anche come agente di commercio, dato che non aveva un magazzino vero e proprio. Infatti, quando dal 1984 subentrammo in azienda io e Gianni, gran parte del lavoro era ancora sviluppato tramite mandati di agenzia e di deposito, gestendo diversi brand specializzati. Questa impronta come agenti rimane tuttora una nostra nota distintiva, tanto che in magazzino corrisponde in genere un’unica marca per famiglia di prodotto, perché vogliamo mantenere una stretta relazione con il componentista. Oggi distributori, in passato agenti, ma poco cambia per noi: ci consideriamo sempre partner delle aziende fornitrici, anche perché possiamo sfruttare competenze molto specifiche maturate negli anni e un know-how tecnico sui prodotti che trasmettiamo anche al cliente, al quale garantiamo un servizio d’eccellenza tramite un’assistenza continua e una consulenza a 360 gradi, in modo da risolvere ogni eventuale problematica e rispondere alle richieste nel più breve tempo possibile, dalle consegne urgenti di ricambi alle informazioni tecniche”.

Una distribuzione ben strutturata

“Grazie alla costante crescita”, continua Lostuzzo, “ci siamo via via strutturati sempre meglio in Friuli, facendoci le ossa in un territorio piccolo e dai confini ben definiti, puntando sulle batterie e su lubrificanti e additivi, cioè due macrofamiglie per specialisti. Poi, dal 2000, abbiamo deciso di fare il grande passo, ampliando la gamma con l’inserimento in catalogo dei ricambi auto e moto e degli accessori, diventando così distributori a tutti gli effetti. Anche perché, se in passato, come agenti con deposito, potevano essere sufficienti 3-4 giorni per le consegne, l’evoluzione del mercato è stata tale da obbligarci a crescere per seguire la clientela in costante aumento. Ci siamo perciò dotati di un primo capannone e di personale selezionato, già esperto nel settore, sino a formare una squadra affiatata e competente”.

Dal 1984 la ragione sociale Lostuzzo, oggi diventata Srl, non è mai cambiata, sottolinea il signor Gianni: “L’impresa è sempre rimasta familiare e da un paio d’anni si è inserita la terza generazione: mio nipote Davide e i miei figli Leonardo e Gianluca, che stanno portando una ventata di rinnovamento e modernizzazione grazie anche agli studi universitari intrapresi. Tutto in perfetta linea con la nostra filosofia, che ci fa considerare come azienda in continuo movimento sul mercato, seguendo la strategia dei piccoli passi. Il magazzino di Udine è partito con un primo modulo da 450 mq a cui se ne sono aggiunti altri 3 acquistando capannoni adiacenti, fino ad arrivare ai 1.700 mq odierni, in parte soppalcati. Abbiamo man mano arricchito la gamma inserendo prestigiosi marchi indipendenti per frenante, tiranteria, candele, filtrazione, portaggio fino alle attuali oltre 50 famiglie prodotto, inclusi ricambi e accessori per moto che consentono di allargare il business a un numero sempre maggiore di ricambisti, che rimangono il nostro principale target di clientela. Abbiamo tratto insegnamenti anche dalle esperienze negative e ora contiamo su un team coeso, che fa del gioco di squadra l’arma vincente. Nei lubrificanti, un prodotto orizzontale, abbiamo clienti anche nel settore industriale e flotte, con una gamma completa per tipologia e marchi. Non sono prodotti semplici da trattare, occorrono autorizzazioni e magazzini capienti: Udine, che ha un deposito dedicato, consente uno stoccaggio di 46.000 kg. Lo stesso discorso vale per le batterie per le quali abbiamo anche allestito una zona adibita al controllo qualità e alla ricarica”.

La filiale padovana

Il magazzino di Padova, con i suoi 750 mq, rappresenta ora un polmone importante, qualificato e ben fornito, sottolinea Lostuzzo: “È fondamentale per espanderci sempre più in Veneto e Trentino-Alto Adige. Siamo ormai una bella realtà: in totale lavoriamo in 18 tra Udine e Padova, dove contiamo su quattro addetti esperti mentre noi titolari e figli effettuiamo visite quotidiane in filiale alternandoci ogni giorno. Ci dividiamo equamente i compiti, ognuno con specifiche mansioni: dalla contabilità al personale addetto alle vendite, dalla raccolta ordini alla fornitura e gestione dei magazzini, affidate con grande autonomia ai nostri collaboratori per sveltire le operazioni. Effettuiamo consegne giornaliere soddisfacendo ogni richiesta, servendoci di corrieri specializzati”.

La partnership col Consorzio PDA

Dal 2018 Lostuzzo Srl fa parte del Consorzio PDA e proprio il supporto del Gruppo, ricorda Corrado Lostuzzo, ha dato una spinta decisiva all’espansione aziendale: “Crediamo molto nelle collaborazioni con partner e fornitori. Siamo entrati nel 2018 proprio mentre stavamo effettuando un test di distribuzione anche su Veneto e Trentino, e questo ci ha dato forza ulteriore per oltrepassare i confini regionali, dopo aver sfruttato l’occasione di acqui-sire la Zampieri, un’azienda storica padovana, mantenendone il personale, i fornitori, le quote di mercato e il portfolio prodotti, per poi fare un travaso reciproco con il magazzino di Udine, senza accavallare le linee. Ci troviamo benissimo nel Consorzio PDA perché all’interno ci sono solo soci distributori a nostra misura, anche per dimensioni”.

L’avvento della terza generazione

Dal 2018, terminati gli studi universitari, la terza generazione ha esordito  in azienda, come spiega il figlio di Gianni, Leonardo: “Stiamo cercando di apportare nuove idee, guardando al futuro. Mio cugino Davide si occupa della parte commerciale ed è responsabile del settore moto, un canale di vendita alternativo sempre più interessante per i ricambisti. Mio fratello Gianluca si sta inserendo come figura interna dedicata all’ I.T., con un ruolo fondamentale per la digitalizzazione e la gestione  aziendale. Io mi occupo di marketing e management. Abbiamo seguito la recente fase di rebranding del logo aziendale, realizzando un marchio più leggibile e colori controcorrente che ci permetteranno maggiore riconoscibilità sul mercato, mettendo in primo piano concetti quali servizio, logistica e distribuzione, anche tramite il payoff ‘Automotive Aftermarket Parts’. Abbiamo appena ultimato il percorso di rinnovo del sito e dell’e-commerce B2B dedicato appoggiandoci all’azienda ATK+LAB, rendendolo ‘user friendly’ ovvero fruibile anche da dispositivi mobili. Dotato di ricerca per targa, marca/modello e cross reference  sfruttando la banca dati di Kromeda il nuovo e-commerce garantisce ottime risposte in breve tempo; di facile comprensione la disponibilità nei due magazzini grazie a due semafori ben distinti. Il tutto è coordinato da una costante ricerca di feedback dalla clientela, questo per consolidare sempre più i rapporti interpersonali che per noi sono fondamentali”.

Pur operando in un mercato fortemente concorrenziale, conclude Corrado Lostuzzo, la famiglia sembra aver trovato le armi vincenti in una fase caratterizzata dalla guerra dei prezzi e dall’emergenza Coronavirus: “Continuiamo a essere in costante movimento e non ci ha mai fermati nemmeno il Covid-19: abbiamo sempre garantito un ottimo servizio ai clienti a costo di notevoli sacrifici, tutelando il personale sia dal punto di vista sanitario sia da quello economico. La concorrenza dell’Est si fa sentire, soprattutto in una regione di confine come il Friuli, ma abbiamo reagito espandendo a nostra volta il raggio d’azione, in attesa di provvedimenti che razionalizzino i listini, a beneficio di tutta la filiera. Da Padova, un’ottima base logistica, intendiamo servire a breve altre regioni, mentre il prossimo passo sarà un’attenzione verso la mobilità elettrica, per offrire sempre  qualcosa in più alla clientela. Le scelte fatte finora ci stanno premiando, tanto che pensiamo di raggiungere anche in questo difficile 2020 i target  prefissati. La flessibilità sarà una priorità, mantenendo i valori che ci hanno sempre contraddistinti.

production mode