Attualità

Frenante: Textar e l’attrito vincente. Intervista a Adrian Dulea di TMD Friction

Adrian Dulea è Business Development Manager Sud ed Europa Orientale di TMD Friction IAM. Tra i brand dell’azienda anche Textar, specializzata nel frenante e presente capillarmente in Europa. Con il manager romeno ne ripercorriamo la storia e gli obiettivi

TMD Friction è una società del Gruppo Nisshinbo, colosso giapponese che opera globalmente in più settori (automotive, meccatronica, comunicazioni, chimica, tessile, real estate). Protagonista sul mercato dei sistemi frenanti e forte di un’esperienza di oltre 135 anni nel settore delle tecnologie d’attrito, TMD Friction fornisce ed è partner di sviluppo di alcuni tra i primari produttori del settore automotive in tutto il mondo. La sua attività è focalizzata da sempre sulla ricerca e l’innovazione, la qualità dei materiali utilizzati, la massima sicurezza e l’ottimo comfort di frenata garantito dai prodotti finiti. Oltre 1 milione i ricambi fabbricati ogni giorno, molti dei quali soluzioni aftermarket su misura per un’ampia gamma di veicoli, autovetture, auto da corsa e veicoli commerciali distribuiti attraverso i brand Mintex, Don, Pagid, Cobreq, Nisshinbo e Textar. Quest’ultimo, in particolare, vanta una storia centenaria. Textar è nata infatti nel 1913 come azienda commerciale ed è oggi protagonista di primo piano nella produzione e commercializzazione di pastiglie freno ad alte prestazioni: quelle stesse, oggi evolute grazie allo sviluppo tecnologico, che negli anni 50 fecero vincere importanti competizioni mondiali allo storico pilota argentino Juan Manuel Fangio a bordo della leggendaria Mercedes Silver Arrows.

Per ripercorrere con noi le tappe fondamentali dello sviluppo di Textar e soprattutto capire quali progetti coinvolgano principalmente Europa e Italia abbiamo intervistato Adrian Dulea, Business Development Manager Sud ed Europa Orientale di TMD Friction IAM. “Prima di rispondere, vorrei fare io una domanda: cosa accomuna la Ford Model T (la prima vettura al mondo prodotta in grande serie) con la leggendaria Bugatti Type 51 Grand Prix con oltre il 99% delle auto attuali in Europa, con quelle sopra i 1.000 HP, con quelle di famiglia e con le auto elettriche moderne? Questi mezzi hanno montato o montano attualmente le pastiglie freno Textar. Dal lontano 1913, Textar è sinonimo di prodotti frenanti di categoria Premium. Il nostro marchio si distingue per l’alta qualità, l’elevata sicurezza, il massimo comfort di frenata che offre. Questi livelli sono il nostro standard e questo è il motivo per cui le più importanti Case automobilistiche ci scelgono come fornitori OE e le persone richiedono i nostri prodotti. Nel settore delle alte prestazioni, le pastiglie Textar di TMD Friction sono la prima scelta per i veicoli dotati di dischi freno in carbonio ceramico. E per ottime ragioni, dal momento che queste pastiglie sono state sviluppate in stretta collaborazione con i produttori di dischi, per individuare e ottenere un livello di attrito perfetto. Oggi Textar offre un’ampia gamma di prodotti e servizi per tutte le autovetture attualmente presenti sul mercato, e nel settore dei veicoli commerciali il 70% dei veicoli con freni a tamburo e il 50% di quelli con freni a disco escono dalla catena di montaggio equipaggiati con prodotti frenanti Textar”.

Com’è strutturata la presenza di Textar in Europa?

“Siamo presenti capillarmente in Europa attraverso filiali e team dedicati. In particolare, io sono responsabile dell’area dell’Europa Meridionale e Orientale, di Italia, Grecia, Cipro, Malta, Romania, Repubblica di Moldavia, Bulgaria, Ungheria e Ucraina. Un territorio piuttosto vasto e impegnativo: anche se si tratta di Paesi vicini l’uno all’altro, abbiamo a che fare con culture diverse, differenti comportamenti di consumo e – probabilmente l’aspetto più importante – differenti percezioni sui prodotti frenanti. Per questo adottiamo un approccio strategico mirato per ogni Paese. Nello stesso tempo, stiamo cercando non solo di vendere i nostri prodotti, ma anche di aumentare la consapevolezza del valore aggiunto della categoria dei prodotti frenanti Premium”.

Può illustrarci, nello specifico, qual è il suo ruolo in azienda?

“Faccio parte della famiglia TMD Friction dal 2015. È l’anno in cui ho lasciato la Romania per la Germania e ho accettato una grande sfida, dopo 9 bellissimi anni in cui lavoravo nel mercato automotive nazionale come Responsabile vendite in Romania e nei Paesi vicini per importanti produttori e distributori del settore. Dopo 3 anni come Area Sales Manager per l’Europa Orientale, l’area adriatica e i Paesi Baltici (18 nazioni) a TMD Friction, nel 2018 ho accettato la proposta di diventare Business Development Manager per l’Europa Orientale. Dopo soli 6 mesi in questa posizione mi sono reso conto che è importante essere vicino ai Paesi di cui sono responsabile, quindi mi sono trasferito in Romania e nell’agosto 2018 abbiamo aperto l’ufficio regionale. Dall’inizio di quest’anno, anche i Paesi dell’Europa Meridionale sono passati sotto la mia responsabilità. I tempi non sono certo semplici, visto il contesto mondiale, ma penso che i tempi difficili formino caratteri forti. Per quanto riguarda gli obiettivi principali di Textar cos’altro può dire un venditore se non che vogliamo aumentare la penetrazione di tutti i nostri marchi sul mercato in ogni Paese? Voglio aggiungere che mi piace molto lavorare in squadra con il mio team e mi piace ricordare che il nostro obiettivo è quello di aumentare la consapevolezza generale verso i pregi e i vantaggi dei prodotti frenanti Premium. In questo modo riusciremo ad aumentare la quota di mercato di Textar, che da sempre si propone come brand sinonimo di qualità Premium”.

Com’è strutturato l’insediamento di Textar in Romania?

“TMD Friction conta oltre 5mila dipendenti in tutto il mondo e 13 fabbriche in Europa, America e Asia. Una delle sedi produttive si trova in Romania: è una fabbrica importante per il Gruppo, dove ogni anno vengono prodotti oltre 22 milioni di pastiglie freno da più di 500 dipendenti. Inoltre, in Romania abbiamo un ufficio di R&S coordinato dalla Germania e un grande magazzino. Il fatto che queste strutture si trovino in Romania è solo una coincidenza, io sono responsabile solo della parte Business Development, ma naturalmente sto lavorando in forte connessione con il team della fabbrica, che mi offre tutto il supporto necessario. Nel mio staff diretto ci sono Cristina Militaru, che è Regional Marketing Coordinator e Stefan Grosu, Technical Sales Support. Insieme stiamo lavorando per promuovere e potenziare la gamma dei prodotti frenanti Premium e offrire il nostro supporto a distributori e officine per consolidare la nostra posizione sul territorio”.

Come opera TMD Friction IAM a livello internazionale?

“TMD Friction IAM, la divisione Independent Aftermarket, opera principalmente in Europa ma non solo, attraverso il nostro magazzino centrale da LeverkusenHitdorf, in Germania. Stiamo consegnando i nostri prodotti all’avanguardia e siamo ben strutturati commercialmente, con responsabili in tutte le aree del mondo”.

Parliamo di mercato italiano: cosa rappresenta per Textar e quale peso strategico ha il nostro Paese per il suo sviluppo?

“Il mercato italiano è forse la mia più grande, nuova sfida. Come sappiamo tutti, la filiera dell’aftermarket in Italia ha caratteristiche proprie, totalmente differenti da quelle degli altri Paesi dall’Europa Centrale e Orientale. È un modello a tre livelli: distributore, ricambista, officina. ll mercato italiano ha poi un enorme potenziale, 36 milioni di autovetture che rendono l’Italia il terzo mercato IAM più grande dell’UE dopo Germania e Francia. Quindi sì, vedo tempi interessanti davanti a noi, soprattutto per un marchio come Textar che ha già una storia importante e un background sul mercato locale. Al momento, sono pienamente concentrato nel sostenere il nostro principale partner storico e nel cercare di comprendere a fondo le dinamiche e l’ecosistema del post vendita italiano. Più avanti potremo discutere i progetti futuri: io e tutta la mia squadra siamo convinti che l’azione non è nulla senza una profonda comprensione e un piano strutturato”.

Ci presenta brevemente come si articola la gamma Textar e su quali prodotti e innovazioni vi state concentrando?

“Abbiamo un prodotto dedicato per ogni veicolo, privato o commerciale, che circola sulle strade europee. E quando dico dedicato, significa che investiamo ogni anno oltre 30 milioni di euro in R&D, testiamo i freni su strada per oltre 300mila km e per oltre 1.000 ore nei nostri laboratori. A proposito di numeri, nel nostro portafoglio abbiamo oltre 1.640 tipi di pastiglie freno, oltre 1.635 dischi freno e oltre 770 ganasce e tamburi. Tutto questo per le auto. Per i veicoli commerciali, offriamo ai nostri clienti una gamma di oltre 565 pastiglie e guarnizioni e oltre 100 dischi freno. Oltre a questi prodotti, nel nostro portafoglio abbiamo anche oltre 1.000 prodotti dedicati, come liquidi per freni, accessori e sensori per pastiglie freno oltre a vari detergenti per freni, sistemi idraulici e strumenti per sistemi frenanti. Per quanto riguarda i prodotti innovativi, ognuno dei nostri prodotti è stato un’innovazione quando lo abbiamo lanciato, siamo tra i player più innovativi e, come afferma il nostro slogan, “We have a tradition for the future”. Oggi i prodotti Textar, profondamente evoluti, rispettano le più recenti raccomandazioni e normative in termini di sostenibilità ambientale e le massime richieste di qualità e sicurezza, sono silenziosi, generano meno polvere e grazie al peso ridotto diminuiscono i consumi. Questa è già realtà, non sono sogni di Textar per il futuro. E questi prodotti riscuotono già successo sul mercato dei ricambi grazie al Textar Epad e nel settore dei veicoli commerciali al Textar LightWeight Backing Plates”.

State spingendo un prodotto in particolare nel nostro Paese?

“I prodotti storici Textar: oggi sul mercato italiano siamo presenti principalmente con il nostro marchio Premium puro. Ma presto ci concentreremo su tutti i nostri brand per penetrare profondamente sul mercato aftermarket locale”.

production mode