In Officina

Filtro dell’olio a cartuccia esterna o interna: quale scegliere?

Il lubrificante del motore di una vettura nel corso del suo ciclo di vita subisce molti stress termici e meccanici e può essere inquinato da particelle del motore. Grumi d’olio, morchie, scarti metallici se fossero liberi di circolare nel motore causerebbero gravi danni in poche centinaia di chilometri.

OLIO MOTORE PULITO GRAZIE AL FILTRO

Per questo l’impianto di lubrificazione prevede un sistema di filtraggio: il filtro dell’olio ha il compito di trattenere ogni impurità ed evitare che possa danneggiare il motore. Inoltre, un lubrificante ben filtrato mantiene più a lungo nel tempo le sue caratteristiche di protezione.

FILTRO OLIO MOTORE: DUE CATEGORIE

Il filtro dell’olio può essere esterno oppure ad immersione. Sono due categorie ben distinte ma hanno la stessa finalità di applicazione: pulire il lubrificante. Con la tipologia di filtro cambia anche la metodologia di intervento per la manutenzione, perché il filtro dell’olio si sostituisce periodicamente secondo lo schema di manutenzione ordinaria prevista dal costruttore del motore.

FILTRO OLIO ESTERNO O A CARTUCCIA

Il filtro dell’olio esterno è costruito con una cartuccia metallica di forma cilindrica che nella sommità “piatta” ha l’area per il montaggio sul blocco motore in corrispondenza di un perno filettato collegato al circuito di lubrificazione. In questa sommità sono presenti la filettatura per l’avvitamento sul motore e una serie di fori radiali per far passare il lubrificante oltre al foro centrale in corrispondenza del filetto. Il supporto sul motore, di solito vicino alla pompa del lubrificante per sfruttare la massima portata, ha un anello cavo in cui giunge l’olio in pressione e un condotto concentrico che serve per prelevare e reimmettere l’olio nel motore dopo il passaggio all’interno del filtro. Per la tenuta del sistema sono presenti due guarnizioni che trattengo l’olio evitando perdite verso l’esterno e contaminazione tra olio da filtrare e quello filtrato.

COME È FATTO AL SUO INTERNO IL FILTRO DELL’OLIO

All’interno del filtro olio è presente un anello filtrante, di solito in fibra cellulosa oppure un foglio in materiale fibroso sintetico ripiegato a fisarmonica. Questo è il cuore del filtro quello che trattiene lo sporco e i corpi estranei. Questo anello filtrante in una sommità è chiuso da un disco di centraggio che impedisce all’olio pulito di mischiarsi a quello sporco, ma ne permette il passaggio attraverso l’anello filtrante grazie ad apposite scanalature. Alla estremità opposta c’è una valvola di sicurezza che in caso di filtro intasato sblocca il passaggio dell’olio (non passa attraverso la parte filtrante) per impedire blocchi al sistema di lubrificazione.

FILTRO DELL’OLIO MOTORE: SOSTITUIRLO È FACILE

Il filtro esterno è molto facile e veloce da sostituire: con una apposita chiave viene svitato e può essere smaltito come rifiuto speciale. Il filtro nuovo viene montato a mano senza stringere con troppa energia previo lubrificazione della guarnizione di gomma che deve così aderire perfettamente all’alloggiamento.

FILTRO OLIO INTERNO: COSA CAMBIA?

Spinte ecologiche oggi stanno spingendo alcuni costruttori ad optare per filtri interni od a immersione. Sono definiti filtri a immersione perché sono interni al circuito di lubrificazione. La loro costruzione si riduce alla cartuccia in fibra, avvolta intorno ad un rocchetto di plastica forata all’interno che ha lo scopo di irrigidire la struttura e trasferire l’olio filtrato proveniente dall’esterno alla parte interna che lo reimmette in circuito forzato di lubrificazione. Filtri olio così hanno meno componenti da smaltire come rifiuto e sprecano minore materia prima. L’olio da pulire arriva al filtro con un condotto radiale a una tazza cilindrica qui passa nel filtro ed esce al centro dove è presente il condotto di raccolta e reinserimento nel circuito. Per la sostituzione del filtro bisogna smontare il coperchio della tazza che integra la valvola di sicurezza. Il coperchio ha una scanalatura per una guarnizione tipo “O-Ring” che va sempre sostituita dopo ogni apertura. L’operazione di sostituzione è sempre più lunga e laboriosa rispetto a quella del filtro esterno.

a cura di Renato Dainotto - Foto Photo-R

production mode