Attualità

CoArSa cresce e investe: nuova filiale e colorificio a Cagliari

Grazie a nuovi investimenti, assunzioni e al supporto di Groupauto, il fatturato di CoArSa è cresciuto nonostante il Covid-19. E dopo la recente apertura a Cagliari di un’ulteriore filiale con hub distributivo e di un colorificio la copertura territoriale dell’isola è sempre più capillare

L’ anno prossimo CoArSa compirà i 20 anni d’attività e il ricambista sardo si appresta a festeggiarli col supporto di ottimi riscontri di mercato, nonostante i ripetuti lockdown abbiano rallentato l’economia anche nell’isola. La voglia di investire non è mai mancata ai soci, portando a una copertura distributiva dell’intera Sardegna divenuta ancora più capillare dopo la recentissima apertura, a fine marzo, di una filiale e di un colorificio a Cagliari, che vanno così ad aggiungersi alle filiali già collaudate di Sanluri dove si trova la sede legale con magazzino di 550 mq, Sassari (700 mq), Oristano e Iglesias (entrambe di 400 mq), oltre al colorificio sempre ad Oristano che ha rappresentato dal 2018 la base di partenza per il rientro nel settore carrozzeria. CoArSa, socio di Groupauto dal 2012, ha acquisito tutte le quote del Gruppo in Sardegna nel 2016: una mossa strategica che ha conferito slancio al business. Oggi sono circa un migliaio le officine fidelizzate, di cui un’ottantina targate dai network PuntoPro, Autocheck-up e Multimarca, oltre ad alcune Bosch Car Service per conto del distributore ADR.

Strutture e team in costante espansione

“La nuova filiale di Cagliari – spiega il Direttore Commerciale Beniamino Ortu – è costituita da un punto vendita fronte strada e da un ampio capannone sul retro che funge ora da hub distributivo per tutte le altre filiali. Il magazzino, che si estende per ben 1.800 mq, è fornitissimo di ogni tipo di ricambio, oltre che di attrezzature e software all’avanguardia per meccatronici, carrozzieri e gommisti, esclusi i soli pneumatici. Abbiamo modificato anche l’insegna, che ora per il polo cagliaritano è diventata CoArSa Distribuzione Aftermarket. La copertura diretta del capoluogo di regione ci consente di ottimizzare le consegne in un’area strategica, ma la disponibilità totale e immediata di codici a magazzino avvantaggerà l’intera distribuzione a livello regionale. E ne beneficerà anche la carrozzeria grazie al colorificio: è un settore sempre più importante per CoArSa. In ogni filiale un responsabile gestisce esclusivamente il prodotto carrozzeria, che vale il 20% del fatturato”.

Nemmeno il Covid-19 ha influito su bilanci e nuove assunzioni, aggiunge Ortu: “Il fatturato 2020, dopo le inevitabili perdite nei primi mesi di emergenza sanitaria dell’anno scorso, quando abbiamo comunque sempre garantito il servizio e 3 consegne quotidiane pur tra mille difficoltà adottando ogni misura di sicurezza necessaria come del resto ancora oggi continuiamo a fare, ha registrato un incremento dell’11%. Ci ha aiutato parecchio la nostra filosofia aziendale, che punta da sempre su una radicata presenza territoriale e su un rapporto di massima fiducia con officine clienti e fornitori. Anche nel primo trimestre 2021 i risultati sono incoraggianti, con una crescita del 30% nonostante i recenti lockdown in Sardegna. Tutto questo è merito di investimenti mirati e di un team di collaboratori sempre disponibili e pronti a migliorarsi: in CoArSa, dopo le ultime assunzioni, lavorano 64 professionisti specializzati, di cui 4 agenti e 3 soci, con un’età media di circa 38 anni”.

Le novità sono una costante che caratterizza il percorso di crescita aziendale sin dalla fondazione nel 2002, continua Ortu: “Il nostro core business non prevede la vendita a privati. Stiamo quindi cercando banconieri esperti con un adeguato bagaglio di cultura aftermarket e non è facile trovarli, tanto è vero che in ogni filiale abbiamo inserito personale di buona volontà per formare nuove figure professionali che torneranno molto utili tra qualche anno, dopo avere seguito corsi interni organizzati in collaborazione con i tecnici dei principali marchi produttori: a partire da Bosch, che figura tra i fornitori a pannello di Groupauto per le attrezzature, di cui siamo distributori ufficiali per la Sardegna e sulle quali forniamo direttamente assistenza per quanto riguarda installazioni, utilizzo, modalità riparative e di diagnosi. Inoltre, abbiamo attivato in collaborazione con Hella un servizio di noleggio con tecnico in loco incluso per la calibrazione degli ADAS, dai radar a telecamere e retrocamere: è molto apprezzato perché, soprattutto ai carrozzieri, mancano le nozioni di meccatronica necessarie a una diagnosi corretta e possono evitare investimenti importanti per l’acquisto delle strumentazioni Da quest’anno è stata siglata, inoltre, una collaborazione esclusiva con Autel per la distribuzione regionale di tutte le attrezzature diagnostiche con un focus sulla codifica chiavi, un settore in forte sviluppo che attira sempre più interesse fra gli autoriparatori”.

Una crescita in simbiosi con partner selezionati

Assistenza tecnica e formazione sono pilastri nel mondo dell’autoriparazione e in questo senso, secondo Ortu, Groupauto è un partner fondamentale: “Tramite Cartronic e tecnici qualificati come quelli dei fornitori a pannello sono organizzati ogni anno corsi destinati agli autoriparatori, indispensabili per tenere il passo con l’evoluzione tecnologica. CoArSa garantisce formazione, consulenza e assistenza su ricambi e riparazioni non solo alle officine targate dai network e seguite da una Fidelity Manager dedicata, ma anche alle altre officine clienti favorendone la crescita grazie al supporto di personale specializzato. Groupauto fornisce anche un ottimo gestionale quale ProMek Evolution 2.0. Un ottimo contributo al fatturato deriva poi dalle convenzioni con le grandi flotte, gestite in buona parte dalla società IAS di Groupauto. Il blocco del turismo ha particolarmente colpito il settore in Sardegna, soprattutto le piccole aziende operanti in porti, aeroporti e strutture ricettive, ma i volumi rimangono interessanti se la gestione è corretta. La clientela è senz’altro esigente e la nostra capillarità è fondamentale. Questo, inoltre, ci consente di avere a magazzino pure i codici delle vetture più moderne, difficili da trovare altrove”.

Anche il Presidente di CoArSa, Mauro Bianco, tiene a manifestare grande soddisfazione per il rapporto instauratosi con il socio partner: “Stiamo raccogliendo i frutti meritati di anni di investimenti, innovazione, formazione e l’ingresso in Groupauto è alla base di tutto: non solo per le condizioni d’acquisto favorevoli ma anche perché il continuo confronto con gli altri operatori tramite riunioni e convegni ha permesso un’apertura mentale e l’elaborazione di strategie derivanti da una conoscenza approfondita del mercato. A questa spinta si è aggiunto il nostro impegno, dato che CoArSa è da sempre una fucina di dinamismo: non stiamo certo dietro al banco aspettando che il lavoro arrivi da solo e anche le tante iniziative promozionali e rivolte al futuro aiutano. Sono lontani i tempi in cui la Sardegna arrivava sempre per ultima, anzi direi che nel nostro caso è l’esatto contrario, come dimostra la crescita dei fatturati. In CoArSa vogliamo sempre mantenerci un passo avanti agli altri e la costante acquisizione di quote, in un mercato sardo che non dà eccezionali segnali di ripresa, ne è la prova. Vari fattori giocano tra l’altro a nostro favore, come il fatto che non si compra il nuovo ma le auto vecchie si continuano a usare e riparare. Inoltre, collaborare con le flotte più importanti sul mercato ci permette di fare apprezzare da nuovi clienti il nostro servizio e il nostro magazzino aggiornato. Non abbiamo nulla di cui lamentarci, insomma, soprattutto in questo momento storico”. La fiducia a questo punto non può mancare e il Presidente Bianco conclude con un’anticipazione: “Le tradizionali convention We CoArSa hanno ovviamente avuto uno stop, ma l’appuntamento con le officine fidelizzate è solo rimandato: pandemia permettendo, siamo già pronti a organizzare per il 2022 grandi festeggiamenti in occasione del ventennale della nostra attività”.

production mode